Il Dottore CommercialistaCurriculumStruttura-ReferenzeServiziLink utili & NewsContatti
Il Dottore Commercialista

Nell' ambito delle grandi professioni liberali, quella del Dottore Commercialista è certamente la più recente, per lo meno dal punto di vista della formale organizzazione giuridica.    I contorni e le seguenti aree di intervento della professione:

  • amministrazione e liquidazione di aziende, patrimoni e singoli beni;
  • perizie e consulenze tecniche;
  • ispezioni e revisioni amministrative;
  • verifica e indagine sull'attendibilità di bilanci, conti, scritture e ogni altro documento contabile delle imprese;
  • regolamenti e liquidazioni di avarie;
  • funzioni di sindaco e di revisore nelle società commerciali.

Per svolgere la professione di Dottore Commercialista è necessario superare un esame di Stato di abilitazione all'esercizio professionale ed essere iscritto nell' Albo tenuto dall' Ordine competente per il luogo di residenza del professionista.
Dopo queste brevi note è opportuno fare qualche cenno anche al quadro istituzionale che regola in Italia l' attività del Dottore Commercialista.    Come tutte le altre professioni liberali, anche quella del Dottore Commercialista è vincolata da norme giuridiche che tutelano la pubblica fede, in modo da garantire gli standards più elevati possibili in termini di correttezza professionale, capacità e competenza tecnica.
Sull' esercizio della professione vigila il Ministero di Grazia e Giustizia attraverso la Direzione Generale  degli affari civili e delle libere professioni.
La gestione territoriale della professione è, invece, affidata agli Ordini professionali locali, che hanno sede in coincidenza con le competenze dei Tribunali. Attualmente gli Ordini (diretti da Consigli composti da professionisti eletti tra gli iscritti nei singoli Albi) sono oltre un centinaio, con ampi poteri organizzativi e disciplinari nei confronti dei propri iscritti.

La gestione territoriale della professione è, invece, affidata agli Ordini professionali locali, che hanno sede in coincidenza con le competenze dei Tribunali.    Attualmente gli Ordini (diretti da Consigli composti da professionisti eletti tra gli iscritti nei singoli Albi) sono oltre un centinaio, con ampi poteri organizzativi e disciplinari nei confronti dei propri iscritti.
 Relativamente al carattere organizzativo degli Ordini locali, appare opportuno porre l’accento sulle specifiche caratteristiche di coordinamento dell’ attività dei propri iscritti, nonché sulla funzione disciplinare.   Quest’ ultima prerogativa, infatti, garantisce la correttezza e la professionalità degli iscritti all’ Albo, essendo previste, per questi ultimi, in caso di manchevolezze, gravi sanzioni, fra cui la sospensione e la cancellazione per le trasgressioni più gravi.
Le funzioni del Dottore Commercialista non sono, comunque, limitate a quelle descritte dall’ Ordinamento professionale, ma hanno assunto una ben maggiore complessità in conseguenza della crescente industrializzazione del Paese nel dopoguerra, delle riforme fiscali, che si sono via via succedute e che hanno reso estremamente complessa la materia tributaria, nonché delle innovazioni nella normativa societaria determinate dalle Direttive Comunitarie.    Per provvedere a tali situazioni di crescente impegno e complessità, il “moderno” Dottore Commercialista deve disporre di poliedriche capacità professionali: per quanto riguarda, in particolare, i provati e le imprese, le sue prestazioni chiederanno una crescente specializzazione soprattutto nell’ area finanza e controllo, nell’aria amministrativo-contabile e nella revisione e consulenza del diritto commerciale e tributario; viceversa, per quanto riguarda l’ interesse pubblico, un qualificato impegno verrà richiesto nell’ ambito dell’ attività di controllo e supporto alla gestione degli Enti pubblici, nonché come curatore fallimentare, commissario giudiziale e liquidatore.
In sostanza, l’attività del Dottore Commercialista è destinata:

  • ai privati cittadini;
  • alle imprese;
  • agli Enti Pubblici ed Istituzioni;
  • alla tutela dell’ interesse pubblico.

Caratteristiche precipue della professione del Dottore Commercialista sono:

  • rilevanza degli Ordini locali. Attraverso l’ Albo ogni Ordine controlla per gli iscritti la sussistenza di tutti i requisiti professionali (laurea, esami di Stato)
  • segreto professionale. E’ il diritto al massimo riserbo su tutto quanto il Dottore Commercialista conosce circa il proprio cliente. Vale solo per i professionisti iscritti agli Albi. La violazione è punibile a sensi si legge;
  • utilità sociale. L’ Istituzione dell’ Ordine è diretta a fornire a tutti gli utenti e terzi che vengono a contatto con i Dottori Commercialisti garanzie del loro corretto comportamento;
  • disciplina. L’ Ordine disciplina la condotta professionale degli iscritti e punisce ogni scorrettezza commessa nell’ esercizio della professione.

10100000111111111000100011000000110011001000100011001100101000001010101010000000100000001111111110001000100000001010000011001100
Il Dottore CommercialistaCurriculumStruttura-ReferenzeServiziLink utili & NewsContatti
Copyright 2008